LETTERATITUDINE, IL LIBRO – Vol. I – Azimut

maggio 30, 2009

Letteratitudine, il libro

Il libro del blog LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri

(Clicca sull’immagine per collegarti al sito della casa editrice Azimut libri)

Annunci

LA STAMPA – Tuttolibri

maggio 29, 2009

07 febbraio 2009


Letteratitudine, Letteratura in Internet: arriva il lit-blog

da LA STAMPA – Tuttolibri 7 febbraio 2009

di Ferdinando Camon

Guardo questo libro come un lettore del Quattrocento guardava una copia della Bibbia appena stampata da Gutenberg: con ammirazione e perplessità. Cos’è questo nuovo modo di fare i libri? è un nuovo sistema di diffondere la letteratura? Che vantaggi e che svantaggi ha? Se è una cosa nuova, ha un nuovo nome? Leggi il seguito di questo post »

Il Venerdì di Repubblica

maggio 28, 2009

recensione-su-venerdi-di-repubblica-20-marzo-2009

Repubblica.it – Booknews

maggio 27, 2009

recensione-su-repubblica-booknews-21-marzo-2009

La pagina originale è disponibile cliccando qui

La recensione

Quando il blog diventa libro

Arriva in libreria Letteratitudine,  uno degli spazi letterari più vivaci e animati della Rete. Leggi il seguito di questo post »

Recensione su LA SICILIA

maggio 24, 2009

La Sicilia (wordpress)

Recensione su LA GAZZETTA DI PARMA

maggio 22, 2009

Gazzetta di Parma (wordpress)

Recensione su LO SCHIAFFO

maggio 20, 2009

Lo schiaffo (wordpress)

Può un blog che si occupa di libri diventare un libro? La risposta a questa domanda ce la fornisce “Letteratitudine, il libro” (pp. 274, € 15,00) uscito per i tipi della casa editrice Azimut a cura di Massimo Maugeri. Maugeri è il creatore del blog Letteratitudine che è entrato a far parte dei blog d’autore di Kataweb/Gruppo L’Espresso. Nato nel 2006, Letteratitudine ha percorso tanta di quella strada da essere diventato un autorevole punto di riferimento per scrittori, lettori, librai, critici, giornalisti ed operatori culturali. Nel sito, Maugeri propone dei temi letterari e culturali e modera con signorile equilibrio il dibattito on line che ne scaturisce tra scrittori (esordienti e famosi come Dacia Maraini, Valerio Evangelisti, Paolo Di Stefano), lettori e altri soggetti. Ci sono poi presentazioni di libri, giochi di gruppo e delle rubriche fisse tenute da personalità di rilievo culturale come Ferdinando Camon, Roberto Alajmo, Andrea Di Consoli, Miriam Ravasio.
Nel libro, Letteratitudine prende in mano le redini della situazione e ne diventa la voce narrante. Chi è dunque Letteratitudine? Lui, tra le tante, preferisce la definizione della scrittrice e magistrato Simona Lo Iacono: “Un libro umano che parla e si scrive da solo”. Insomma, un pensiero vagante intercettato dalla mente di Maugeri, il “Tizio con la camicia celeste” – alias Maugger, Navigero, Ospite – che campeggia “lì, in quell’angolino in alto a sinistra, con quell’espressione amorfa che non dice nulla, la camicia sbottonata, uno sfondo di libri che secondo me non ha nemmeno letto”. Mica male come autoironia. Perché dunque riversare su carta stampata buona parte del contenuto del blog? Ecco la risposta di Massimo Maugeri (o forse dovremmo dire del “Tizio con la Camicia Celeste”?) alla legittima domanda: “Intanto perché sono legato all’oggetto libro e in fondo Letteratitudine non fa altro che promuovere il libro. Poi perché sentivo l’esigenza di lasciare una traccia di questa esperienza bellissima e arricchente; una testimonianza a chi verrà dopo di noi di cosa è accaduto in questi anni in ambito letterario, culturale, editoriale; la testimonianza di un incrocio di voci, di pensieri, di sguardi che si uniscono creando un movimento unico. Questo libro è considerato nuovo, innovativo dagli addetti ai lavori ed è oggetto di studio in molte università. Ci sono studenti che ci stanno facendo la tesi.
Ancora, la mole di informazioni che gravita su Internet è enorme. Gli studiosi del web dicono che la maggior parte dei contenuti che si trovano oggi, nel tempo, si perderanno. Insomma, da questo punto di vista, paradossalmente, il libro garantisce maggiori possibilità di durata nel tempo. Inoltre il libro contiene testi inediti, rispetto al blog, tra cui la voce narrante dello stesso blog che ho scritto io stesso e che mi prende in giro… una forma di autoironia. E infine anche per dare a chi non è un abituale frequentatore del web la possibilità di conoscere questa realtà
”. A queste motivazioni ne aggiungerei un’altra. Grazie alla struttura concentrata e organica che solo il libro possiede, infatti, la lettura rivela con più illuminante evidenza, rispetto alla fruizione frammentata del web, ciò che Letteratitudine è: un ampio panorama di testimonianze, spesso preziose e prestigiose, su cosa significhi scrivere. Senza contare, poi, gli interventi spiritosi del “pensiero vagante” che collegano i vari capitoli conferendo al tutto un tocco di sapida leggerezza. Il libro si ferma al 2008. Il blog è ancora più che mai vitale sul web.
Anna Maria Loglisci
Lo schiaffo

LA ZONA FRANCA

marzo 19, 2009

la-zona-franca1Giovedì 5 marzo 2009 alle 17.00 presso la libreria Cavallotto si è tenuta la presentazione dei libri “Letteratitudine” di Massimo Maugeri e “Tu non dici parole” di Simona Lo Iacono.
La presentazione è stata introdotta da Elvira Seminara, giornalista de «La Sicilia» e docente di Storia e Tecnica del Giornalismo nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Catania, e da Sabina Corsaro, direttore editoriale del magazine on line «Lo Schiaffo» e dottore di ricerca in Storia Moderna sempre presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Catania.
Elvira Seminara, durante la presentazione del libro “Letteratitudine”, ha fatto notare come sia importante oggi la presenza di internet e di ampi spazi in cui si può dare parola non solo a scrittori e giornalisti ma anche ai lettori. Il lettore, secondo la giornalista, non deve rimanere inerme, ma deve interagire con lo scrittore. Il blog di Maugeri è uno spazio in cui il rapporto di reciprocità può avvenire.

Il blog non è anarchico, ma è democratico e i tre attori sociali – produttore di fonte (scrittore), mediatore (giornalista) e lettore – nel suo interno coincidono nella stessa persona. In questo spazio multiforme il lettore può esprimere la sua opinione riguardo a temi importanti come la letteratura e la cultura in generale.
Elvira Seminara, parlando della funzione della letteratura all’interno dei mass media, ha ricordato l’importanza della terza pagina, nata nel 1901. Oggi la terza pagina non esiste più perché la cultura è inserita all’interno di inserti o di magazine. La giornalista ha affermato che la cultura oggi è sofferente, perché rispetto al passato è controllata dal marketing e non ha libertà.
Il blog, secondo Elvira Seminara, non è autoreferente come lo era la terza pagina. Su internet c’è una democraticità e una possibilità di ribattere, non presente nel giornale cartaceo. Non esistono ruoli e c’è la possibilità di creare dibattiti e la capacità di mettere insieme una molteplicità di voci. Le voci del grande scrittore e del lettore sconosciuto.
Massimo Maugeri ha sentito il bisogno di trasferire il web su carta, per fissarlo in eterno. Ma ha sottolineato come il suo libro sia frutto di una scrittura collettiva, derivante dalla scrittura del blog.
Il blog è uno spazio multiforme che si converte in libro. Contrariamente alla norma che vede il passaggio della parola cartacea alla parola on line.
Il libro secondo Elvira Seminara deve apparire come una sorta di gioco e non dev’essere guardato con soggezione, con paura e con senso di inadeguatezza, ma dev’essere ascoltato e a sua volta dev’essere in grado di ascoltare. Ed è questo si fa nel blog e nel libro “Letteratitudine” di Maugeri. Un ascolto reciproco tra scrittore e lettori.

L’articolo completo è disponibile qui.

Il ringhio di Idefix

marzo 18, 2009

recensione di Luciano Comida

Da due anni, Massimo Maugeri dà vita a un ottimo blog: Letteratitudine. Dove (lo dice la parola, esclamerebbe Totò) si parla soprattutto, ma non solo, di libri e di scrittura, con garbo e competenza, passione e spregiudicatezza. Moltissimi sono i visitatori e celebri i co-autori di post speciali o di rubriche fisse, tra cui Ferdinando Camon, Andrea Di Consoli, Valerio Evangelisti, Dacia Maraini, Paolo Di Stefano…
Adesso, la casa editrice Azimut raccoglie (in un’antologia fitta fitta e divertentissima intitolata Letteratitudine – il libro) Letteratitudine – il libro
alcuni dibattiti (dal post iniziale ai commenti dei lettori e lettrici): alternative ai Promessi sposi, perchè le donne leggono più dei maschi, perchè leggere, il potere del Web, i classici, il Sud, l’autoironia come antidoto…
Quest’ultimo tema parte da un mio testo (presente nel volume assieme ai successivi commenti).

L’articolo completo è disponibile qui.

LIBRANDO

marzo 18, 2009

librandorecensione di Renzo Montagnoli

Può un blog diventare un libro? E’ quello che si deve essere chiesto Massimo Maugeri, dominus di Letteratitudine, uno dei più noti blog letterari italiani.
Ha realizzato, così, attraverso un certosino e oculato lavoro di scelta un volume che presenta più di un motivo d’interesse come espliciterò nel corso di questa recensione. Fare il libro non è stato certo facile, ma trovare un editore disposto a pubblicarlo e a rischiare non penso sia stato così semplice. Invece ha incontrato l’entusiasmo di Guido Farneti, di Azimut Libri, che peraltro, d’intesa con il curatore, ha finalizzato la pubblicazione a una lodevole iniziativa. Leggi il seguito di questo post »